web software

Ristorante a KM "0"

La maggior parte dei prodotti utilizzati nella nostra cucina sono a Km "0"
provengono esclusivamente da Aziende locali, radicate nel nostro territorio, nel comprensorio del parco Nazionale dei Monti Sibillini.


La Lenticchia di Castelluccio i.g.p.
Il Farro di Monteleone d.o.p.
Il Prosciutto di Norcia i.g.p. e tutte le norcinerie
I formaggi e il miele artigianale
Il Tartufo : Re incontrastato delle Ns. ricette
I Funghi e molte altre specialità locali pronte ad esaltare i nostri piatti.

La Lenticchia di Castelluccio I.G.P.

La storia di questo Legume e' antichissima. Viene coltivata negli altipiani di Castelluccio, ad un'altezza di 1500 metri. La quantità prodotta e' limitata; è un legume che non viene trattato per la conservazione in quanto nasce in condizioni climatiche rigide e non viene attaccato da insetti e larve.
Dopo essere stata seminata, nel mese di giugno, fiorisce nello splendore della Piana di Castelluccio: la famosa Fioritura di Castelluccio.
A luglio avviene il raccolto e ad Agosto la trebbiatura.

I nostri piatti : Zuppa di Lenticchie, Lenticchie con salsicce di Norcia, Vellutata di Lenticchie con guanciale croccante e tartufo

Lenticchia IGP di Castelluccio
Il Farro di Monteleone d.o.p.

Il Farro di Monteleone D.O.P.

E' un cereale che viene seminato a seconda delle fasi lunari e del clima nei mesi di Febbraio e Marzo.

Le condizioni della zona di produzione, con terreni che impediscono il ristagno d'acqua nelle stagioni umide, contribuiscono a rendere unico questo cereale.
Può essere consumato come primo, secondo o come insalata per contorno e si utilizza anche per dolci (crostate o torte di vario genere).

I nostri piatti: Cestino di grana con insalatina di farro al balsamico, Zuppa di farro e legumi, Farrotto con funghi porcini.

Il Prosciutto I.G.P. di Norcia

Il Prosciutto I.G.P. di Norcia dà il meglio di se tagliato con il coltello, ha un aspetto a "pera". Viene salato a secco e fatto riposare per circa 20 giorni. dopo la salatura si lava e si fa asciugare in stanze apposite per poi essere trasferito in reparti di stagionatura per 18 mesi. Nel 1977 ha ricevuto l'indicazione geografica protetta dalla Comunità europea. Altre specialità dei nostri Maestri Norcini sono: Salami di maiale e di cinghiale, Il capocollo, il lonzino, i coglioni di mulo, La pancetta , il guanciale ecc.

I Nostri piatti: Prosciutto di Norcia con pecorino locale- Antipasto misto di salumi tipici - Carpaccio di lonzino pere e grana - Carpaccio di lonza con carciofi e tartufo

Il Prosciutto IGP di Norcia
Il tartufo Nero di Norcia

Il Tartufo

Veniva considerato cibo degli Dei, con poteri afrodisiaci, per questo utilizzato dall’ardente Giove. Il Tartufo era sempre presente sulla tavola del celebre Lucullo, uomo di proverbiali stravizi.  A Caterina De Medici si attribuisce il merito di averlo fatto conoscere alla corte di Francia. Lucrezia Borgia pare se ne servisse per accrescere il suo fascino “luciferino”.  Il musicista Gioacchino Rossini lo definì “il Mozart dei funghi”.  

Alcuni dei Nostri piatti: carpaccio di cinghiale al tartufo, stracciata d'uovo al tartufo, spaghetti al tartufo nero di Norcia, gnocchetti gorgonzola e tartufo, filetto di manzo porcini e tartufo, tiramisù di ricotta con tartufo 


Informazioni Generali sul Tartufo Nero

 Tuber Melanosporum Vittadinis (Tartufo Nero Pregiato)
Il peridio (scorza esterna) ha una superficie leggermente verrucosa nera. La gleba (interno) ha un colore nero-bruno ed è attraversata da una rete di venature biancastre. Dal 1 dicembre al 15 marzo
 Tuber Uncinatum (Tartufo Uncinato)
Il peridio ha una superficie verrucosa nera. La gleba di colore nocciola scuro ha numerose venature ramificate chiare. Dal 1 ottobre al 31 dicembre
Tuber Aestivum (Tartufo Estivo o Scorzone)
Il peridio è di colore nero con una superfice caratterizzata da grosse verruche sporgenti, caratteristiche di questa varietà. La gleba è di colore nocciola con venature biancastre. Dal 23 maggio al 31 agosto
Gli aromi dei tartufi neri “veri” non sono mai uguali.
La variabilità dipende dalla tipologia del tartufo, dal sole, dalle piogge e dalle temperature avute durante il periodo di maturazione, dalle caratteristiche del terreno nel quale e’stato “cavato”, dall’esposizione al sole e dagli alberi presenti nelle vicinanze.
Tartufi neri di qualità possono avere intensità aromatiche diverse, questo è prova della loro assoluta naturalità
Aroma di tartufo non significa presenza di tartufo.
Il consumatore non esperto è spesso ingannato da prodotti provenienti da sintesi chimica, che emanano“odori”molto forti.
Oggi questi aromatizzati chimici, molto diffusi nella ristorazione ed in molti prodotti alimentari in tutto il mondo, tendono a costruire nei consumatori una idea di aromi e sapori del tartufo nero diversi da quelli reali. L’Accademia difende e promuove soltanto il vero tartufo nero.
Come si amplifica naturalmente l’aroma del Tartufo nero
L’olio extra-vergine di oliva preserva ed esalta gli aromi autentici del tartufo. 
Il “nero”per esprimere al meglio il suo potenziale deve essere grattugiato, immerso in olio extra vergine d’oliva e poi scaldato. Le molecole aromatiche del tartufo tendono così naturalmente a disciogliersi nell’olio invece di disperdersi. 

I FORMAGGI


I formaggi del Parco Nazionale dei Monti Sibillini sono molteplici : Pecorino di Norcia, ricotta , Formaggi caprini, formaggio misto con noci o al peperoncino ecc.

I nostri piatti : Degustazione di formaggi misti tipici, Pecorino miele,noci e tartufo, Scamorza con tartufo

Prenota subito

Assicurati un posto presso il RISTORANTE TAVERNA DE MASSARI

Condivi questa pagina con i tuoi amici

Contatti e prenotazioni

Loc. Fontevena
c/o Casale Nel Parco
06046 Norcia (PG) 

Contatti

0743.816218
3920663242 

Realizzazione siti web Umbria Marche
ValnerinaOnLine.it il portale della Valnerina
Privacy e informazioni su Coockie's